LifestyleUcraina

A caccia dei porcini nei Carpazi

Con l’ascia in mano per scacciare i concorrenti

Jurij Solomcenko è una leggenda per i turisti che vengono ai funghi nei Carpazi, considerato il re dei porcini. L’uomo organizza le gite per i turisti alla ricerca dei pregiati porcini di diverse specie. Il nome è una garanzia: nessuno tornerà dai boschi senza un’ingente quantità dei funghi.

Jurij va alla ricerca dei posti delle fungaie già da 30 anni e il passatempo di una volta ora è diventato un vero e proprio business.

Sulla sua pagina su Facebook Jurij Solomcenko confessa: “Quando trovi un bel porcino – ti fa l’impressione. Io sono cacciatore dei funghi”.

Il guru dei porcini riesce a identificare l’età del fungo: quanti giorni, e perfino quante ore, di vita ha. E afferma che per la fungaia è meglio quando il fungo è “svitato” anziché tagliato.

Il coltello serve per pulire il gambo del fungo sul posto.

L’ascia invece serve per scacciare i concorrenti.

Una gita a caccia dei funghi frutta 15 chili dei porcini, un cesto pieno zeppo.

La sua passione, diventata mestiere, il re dei porcini definisce “fungofilia”.

 

 

Tags
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi